WADI SHAAB: IL PIU’ SPETTACOLARE CANYON DELL’OMAN

NON TUTTI SANNO CHE… a sole tre ore di auto dalla capitale dell’Oman, Muscat, c’è un meraviglioso canyon desertico capace di regalare degli splendidi panorami e delle piscine naturali d’acqua cristallina: il Wadi Shaab.

Wadi shaab adventure

I Wadi sono una delle bellezze naturali per cui l’Oman è famoso, nel Paese se ne possono trovare svariati e nei posti più disparati. Alcuni sono raggiungibili direttamente con la macchina, mentre altri soltanto a piedi.

Wadi significa letteralmente “letto del fiume” (valle) ed indica quel particolare paesaggio in cui un torrente, nel tempo, ha scavato un cammino tra le rocce, creando dei canyon incantevoli.

Quella del Wadi Shaab è sicuramente la valle più famosa ed affascinante dell’Oman. Qui il fiume, con le sue acque cristalline, scorre nascosto in un canyon di rocce di colore rosso.

L’attrazione principale del Wadi Shaab è una piscina naturale con una cascatella che si apre all’interno di una grotta. Ma per raggiungerla è necessario attraversare, prima a piedi e poi a nuoto, l’intero tratto finale della valle.

Barca traghettatrice

Una volta lasciata la macchina nel parcheggio prossimo alla località costiera di Tiwi, è necessario raggiungere la sponda del fiume da cui parte il sentiero. Per farlo, ci sono delle piccole barche che traghettano i visitatori verso l’inizio della suggestiva ed insolita camminata.

Il tragitto in barca ha una durata di due minuti circa ed il costo del servizio è di 1 OMR (2,20 euro) a persona andata e ritorno.

Una volta arrivati sull’altra sponda del fiume si prosegue a piedi. Il primo tratto del percorso è molto semplice, una passeggiata su un terreno piatto di sabbia e ciottoli. Ma più si va avanti e più la camminata si trasforma in un vero e proprio trekking tra rocce e pozze d’acqua. Infatti, il sentiero è battuto solo nella prima parte del percorso. Poi si passa dal camminare lungo uno stretto corridoio scavato nella parete laterale del canyon all’attraversare il fiume saltando da un masso all’altro.

Quando la “strada” è più impervia il percorso è segnalato con delle frecce nere disegnate sulle rocce che indicano il percorso più semplice.

Dopo circa 45 minuti si giunge sulla riva del fiume… non c’è altra via, per continuare bisogna necessariamente immergersi in acqua!

Nel primo tratto il fiume non è molto profondo, facendo attenzione alle rocce scivolose si può tranquillamente continuare camminando. Ma, dopo circa 10 minuti, l’acqua diventa alta ed è possibile proseguire solo a nuoto.

Dopo 5 minuti di nuotata ci si trova davanti ad una enorme parete rocciosa con una piccola spaccatura che si apre nella pietra creando un vero e proprio tunnel. Apparentemente l’insenatura sembra talmente stretta da impedire il passaggio della testa di un essere umano. In realtà l’attraversamento è piuttosto agevole.

Ingresso alla piscina naturale con cascata

Basta percorrere un brave tratto nuotando all’interno di questo corridoio roccioso e finalmente si spiega davanti gli occhi l’attrazione principale del Wadi: una piscina naturale tra le rocce dove l’acqua sgorga da una suggestiva cascatella.

Alle pareti sono legate delle funi per permettere ai visitatori più audaci di arrampicarsi lungo la cascata e poi rituffarsi nelle acque cristalline della piscina!

L’escursione al Wadi Shaab non è proibitiva e/o faticosa, ma suggestiva, unica e molto divertente!

Soprattutto non presenta situazioni di pericolo se vengono seguite le corrette norme comportamentali dettate dal buonsenso.

Consigli utili per visitare il Wadi Shaab

  • Durante la parte camminata è consigliato indossare scarpe da treck o sandali chiusi dietro in modo da poter agevolmente camminare tra i ciottoli o sulle rocce.
  • Per la parte in acqua sono necessarie delle scarpette da scoglio o dei calzari da sub così da ridurre il rischio di scivolare sulle rocce del fiume.
  • Durante il tragitto non ci sono punti di ristoro quindi è importante avere con se dell’acqua e qualche snack o frutto.
  • Mettere tutto in una borsa impermeabile per poter immergersi in acqua non lasciando le proprie cose incustodite. È comunque possibile lasciare le proprie cose sul bordo della piscina principale del Wadi, prima di immergersi. L’Oman è un paese abbastanza sicuro ma è meglio evitare di portare con se e lasciare sulla riva del fiume oggetti di valore.
  • Soprattutto nei mesi estivi, in cui le temperature toccano dei picchi molto alti, è indispensabile un cappello e la crema solare.
  • Portare un telo sul quale sdraiarsi per evitare il contatto diretto con le rocce che nei mesi più caldi sono davvero bollenti.
  • Essendo un posto turistico, nonostante la cultura mussulmana, il bikini per le donne è tollerato. Ma sarebbe meglio indossare un pantaloncino ed un top o maglietta.
  • Durante il weekend il Wadi è molto affollato quindi è consigliabile evitare la visita. Meglio durante i giorni feriali e la mattina presto (per evitare folla ed alte temperature!)
  • Per chi non è un esperto nuotatore e vuole comunque raggiungere la grotta con la cascata, con qualche accorgimento può farlo. Essendo una piscina naturale non ci sono forti correnti d’acqua quindi è sufficiente un giubbotto galleggiante per rendere più agevole l’attraversamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.