I CASTELLI DELLA VALLE D’AOSTA

NON TUTTI SANNO CHE… nella più piccola regione d’Italia, oltre alle meraviglie naturali ed alle imponenti cime dei monti più alti della nazione e d’Europa, è possibile ammirare uno splendido spettacolo costruito dall’uomo: i castelli della Valle D’Aosta!!

Infatti la storia ha regalato alla Valle D’Aosta ben 120 castelli, alcuni dei quali ancora visitabili.

Con un weekend e non spendendo troppo è possibile tornare indietro nel tempo e, accompagnati da esperte guide, rivivere le atmosfere medioevali, quelle rinascimentali ed infine i fasti, le innovazioni e le abitudini della famiglia Savoia.

Si, perché i castelli della Valle D’Aosta sono stati costruiti in differenti epoche, quindi ognuno di loro ha un fascino diverso.

Castello di Introd: vittima di due rovinosi incendi nella seconda metà dell’800 è stato restaurato nel secolo successivo. Nonostante questo, le mura che cingono la grande torre situata al centro riportano immediatamente alle atmosfere Medievali.

Castello di Sarriod de la tour: inquieto e bizzarro, grottesco ed irriverente. Tutto l’immaginario fantastico dell’uomo Medievale vive nella Sala delle Teste, uno dei più originali, divertenti e geniali capolavori dell’intaglio del legno profano del quattrocento.

Castello reale di Sarre: il primo re d’Italia lo aveva scelto come residenza di caccia prediletta. Il salone dei trofei e l’adiacente galleria sono uno straordinario omaggio alla sua passione venatoria, trasformata in arte decorativa

Castello di Fenis: è proprio quello che immaginiamo quando pensiamo ad un castello del Medioevo: torri, torrette e mura merlate bucate da feritoie. Le pitture al suo interno, tra le più famosi del nord Italia, fanno rivivere quel raffinato mondo popolato di dame e di cavalieri.

Castello Gamba: sembra un arcigno castello feudale, in realtà è una confortevole dimora fatta costruire per amore di una giovane sposa. Per chi lo visita ha in serbo non solo collezioni di arte moderna e contemporanea, ma anche una straordinaria vista sulla valle.

Castello di Ussel: posto su uno scosceso promontorio, dopo essere passato più volte dalla famiglia dei Callant a quella dei Savoia e viceversa, il castello venne utilizzato come prigione, fino al totale abbandono.

Castello di Verrès: un cubo di pietra che fonde la strategia militare di una fortezza e le raffinatezze architettoniche di una dimora principesca. Ogni anno i saloni del castello si rianimano per l’arrivo dei personaggi del carnevale storico di Verrès.

Castello di Issogne: non per niente lo chiamavano “il castello dei sogni”: con i suoi straordinari affreschi ed i sontuosi arredi racchiude il sogno di un mondo sospeso tra gli ultimi splendori di un Medioevo al tramonto e le classiche raffinatezze di un rinascimento appena nato.

Forte Bard: l’imponente fortezza che ha visto la luce nel XIX secolo per opera dei Savoia è oggi sede di musei e mostre. Inoltre è stata scelta dai Marvel per ospitare alcune scene del film Avengers: Age of Ultron, sino a diventare una delle icone della pellicola.

Castello di Savoia: come nelle favole, le sue bianche torrette aguzze sbucano dal fitto del bosco. La fiaba continua all’interno, in un bizzarro intreccio tra Art Nouveau e neogotico, dove dominano le margherite, in omaggio alla regina per cui il castello fu costruito.

ITINERARIO

Giorno 1

CASTELLO DI INTROD

Facendo base ad Aosta (o alla vicina Pollein), è consigliato visitare prima la parte nord partendo dal Castello di Introd (a circa 30 minuti da Aosta). Attenzione agli orari, il castello solitamente è visitabile dalle 14:30 alle 18:30. Per maggiori informazioni riguardanti visita, orari e biglietti è possibile consultare il sito ufficiale del Grand Paradiso https://www.grand-paradis.it/sites/default/files/allegati/Castello_introd_Orari%20autunno-inverno%202020.pdf.

Quello di Introd è uno dei pochi castelli della Val d’Aosta non di proprietà della Regione, infatti è una residenza privata parzialmente aperta al pubblico.

Oggi il maniero è di proprietà dei conti Caracciolo di Brienza e, nella sua parte aperta al pubblico è gestita dalla Fondation Grand-Paradis, grazie alla concessione data dai Conti al comune di Introd.

La visita dura all’incirca un’ora se si desidera salire anche in cima alla torre (da dove c’è una vista spettacolare!). La scelta deve essere fatta al momento della prenotazione ed il costo del biglietto cumulativo, castello+torre, è di 6 euro.

CASTELLO DI SARRIOD DE LA TOUR

Da Introd si raggiunge con soli 10 minuti in automobile il vicino comune si Saint-Pierre, dove sorge il Castello di Sarriod de la tour. L’ingresso costa 3 euro e la visita dura 30 minuti

CASTELLO REALE DI SARRE

…in perfetto orario per recuperare la macchina ed arrivare poco dopo l’imbocco per la valle di Cogne. Qui sorge imponente il Castello Reale di Sarre!!

Nonostante le dimensioni sicuramente più grandi degli altri castelli, la visita guidata dura ugualmente trenta minuti poiché non tutte le stanze sono accessibili. Il costo del biglietto è di 5 euro.

Così, da Sarre in poco meno di 10 minuti si raggiunge il capoluogo Aosta dove si ha l’imbarazzo della scelta su come trascorrere la serata.

Nella mattina ad Aosta, se interessati, si consiglia una visita al Teatro Romano ed al Museo Archeologico Regionale.

Giorno 2

CASTELLO DI FENIS

Il secondo giorno si apre con la visita al meraviglioso Castello di Fenis che, a differenza degli altri castelli, sorge su un lieve poggio privo di difese naturali.

E’ senza dubbio il più famoso della Valle D’Aosta e da molti è considerato il più affascinante poiché unisce i caratteri della fortificazione a quelli della residenza signorile. Non a caso è stata la sede di rappresentanza della famiglia più importante della Valle: i Challant.

Il costo del biglietto per la visita guidata è di 7 euro per una durata di 30 minuti circa. Ma, nell’organizzazione del vostro itinerario, considerate anche il tempo che utilizzerete per fare delle suggestive foto con alle spalle il maestoso castello.

CASTELLO DI USSEL

Alla fine di questa esperienza si riparte alla volta di Chatillon per raggiungere il Castello di Ussel. Purtroppo la costruzione a strapiombo su uno scoglio di serpentinite non è sempre visitabile.

Per accertarsi è possibile contattare telefonicamente l’Ufficio del Turismo di Saint-Vincent al numero +39 0166/512239 o scrivere alla mail saintvincent@turismo.vda.it.

FORTE DI BARD

Da Ussel con 25 minuti si approda all’unica tappa di questo itinerario che non è un castello ma vale assolutamente la visita: il Forte di Bard. Un complesso monumentale che rappresenta uno dei migliori esempi di fortezza di sbarramento dell’ottocento.

E’ possibile trovare tutte le informazioni riguardanti i costi e le attività sul sito ufficiale del Forte di Bard: https://www.fortedibard.it/tariffe/

Si consiglia di tenere libero il pomeriggio per poter decidere in totale tranquillità cosa vedere tra le scelte che offre il Forte. Tappa obbligata è la visita al piccolo borgo di Bard, un tipico villaggio di attraversamento che oggi si presenta nel suo assetto urbano medioevale quasi deltutto intatto.

E’ popolato da circa 160 abitanti, si sviluppa in poco più di 3 km quadrati ed è considerato uno dei 20 borghi più belli d’Italia.

CASTELLO GAMBA

E per chiudere la giornata si può trascorrere la serata presso il Castello Gamba. Qui spesso vengono organizzate manifestazioni e mostre di arte moderna e contemporanea in orari serali.

Per informazioni riguardanti eventi, mostre ed attività didattiche è possibile visitare il sito ufficiale del Castello: https://www.castellogamba.vda.it/mostre/info-generali_i.aspx.

Giorno 3

CASTELLO DI VERRES

Una volta parcheggiata la macchina nello spiazzale del paese si percorre un sentiero che porta all’inizio di una ripida salita che porta al Castello di Verrès.

Mentre si cammina è facile immaginare i soldati che, con le pesanti armature non riuscivano ad arrivare in cima al castello. Ma ciò che salta all’occhio è lo splendido panorama che si dispiega davanti agli occhi ad ogni passo.

In alcuni mesi dell’anno generalmente la visita al castello è gratuita, altrimenti il biglietto intero costa 3 euro e la visita dura 30 minuti.

CASTELLO DI ISSOGNE

Recuperata la macchina a valle si parte alla volta dell’originale ed affascinante Castello di Issogne.

Appena entrati si ha la sensazione di vivere in un tempo fiabesco. All’ingresso si dispiega un ampio giardino all’italiana con la centro la famosa fontana del Melograno realizzata in ferro battuto.

Proseguendo lo sguardo è catturato dal magnetico porticato, ornato da colorate lunette affrescate che mostrano scene di vita quotidiana e messaggi inaspettati.

A differenza degli altri, il Castello di Issogne è completamente arredato, infatti deve il suo fascino anche alla numerosa ed originale mobilia.

Il prezzo del biglietto è di 5 euro e la durata della visita 30 minuti.

CASTEL SAVOIA

L’itinerario dei Castelli della Valle D’Aosta si chiude a Gressoney, con il fiabesco Castello dei Savoia. Una residenza voluta dalla Regina Margherita di Savoia che si ispira a modelli del tardo Medioevo, ma risale agli inizi del Novecento.

sorge ai piedi del Colle della Ranzola nella località denominata “Belvedere”, in ragione della splendida vista che da lì domina tutta la vallata.

Il biglietto di ingresso costa 5 euro e la visita guidata ha la durata di 30 minuti.

Consigli di viaggio

Durante la settimana del cultura, che generalmente è l’ultima di settembre, castelli, siti archeologici, mostre, musei ed eventi culturali in Val d’Aosta hanno ingressi gratuiti o ridotti.

In occasione di questi eventi particolari si consiglia di prenotare le visite on line almeno il giorno prima. Presentarsi direttamente in loco potrebbe non assicurare il posto.

Le restrizioni legate al Covid prevedono un ingresso limitato del numero di visitatori.

Per le visite ai castelli di proprietà della Regione è possibile prenotare ed acquistare i biglietti on line, direttamente dal sito ufficiale della Valle d’Aosta: https://ticket.midaticket.it/sitiecastellivalledaosta/Events.

Per farlo è necessario avere una mail attiva poiché il biglietto viene inviato per via telematica. Qualora non foste avvezzi all’utilizzo di smartphone, pc o tablet.. niente paura, c’è ovviamente anche la possibilità di effettuare l’acquisto in loco, direttamente alla cassa!

Durante la bella stagione i castelli di proprietà della Regione Valle d’Aosta sono aperti al pubblico dalle ore 10:00 fino alle ore 19:00.

Potrebbero interessarti anche...

2 risposte

  1. Abdul Khan ha detto:

    Hmm it looks like your site
    ate my first comment (it was extremely long) so I
    guess I’ll just sum it up what I submitted and say, I’m thoroughly enjoying your blog.

    I too am an aspiring blog blogger but I’m still new to everything.

    Do you have any suggestions
    for first-time blog
    writers? I’d really appreciate it.

    • simona ha detto:

      Hi, I’m really glad you like my blog! The most important tip I can give you to write a blog is to talk about topics you like and to have as main goal to share information with people in order to be useful. Good luck and good luck!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.